Un nuovo proiettore per ammirare l’Universo…

 

Il “Planetario digitale itinerante di Palermo”, di Planetaria astronomy educational, si rinnova. E’ finalmente arrivato direttamente dal Giappone il nuovo proiettore con Fish-eye di prestazioni a dir poco fantastiche. Basta dire che la sua luminosità è di ben 6500 lumen!

“E’ stato uno sforzo notevole” ha dichiarato Giuseppe Ciprì, “che ci ha visti impegnati economicamente non poco, ma ne valeva la pena. Abbiamo ricevuto complimenti da persone che hanno assistito a spettacoli effettuati in grandi Planetari fissi in Italia, asserendo che la qualità del nostro sistema è uguale ed addirittura in alcuni casi migliore di strutture decisamente molto più costose. Non abbiamo ancora capito se la nostra è incoscienza o tenacia!”

“Era giusto”, ha continuato Aldo Gagliano, “dopo il grande successo riscontrato in questi primi tre anni, dare al nostro pubblico quanto di meglio oggi possa offrire la tecnologia internazionale. Oggi i nostri film e le nostre lezioni di astronomia e cosmologia hanno quel ‘qualcosa in più’ che lascia stupefatti ed ammirati. Siamo molto contenti; ora manca solo la sede pubblica per offrire a tutta la regione qualcosa che in questo momento nessuno ha, almeno in Sicilia. Questo strumento è infatti adatto persino per cupole fisse da dieci metri di diametro.”

In effetti anche se la strumentazione precedente, la prima in Italia in un Planetario itinerante, era di indubbia qualità, con questo nuovo proiettore ed il suo sistema particolare di lampade, le immagini sono ora decisamente più affascinanti. Sembra davvero di viaggiare nell’Universo, immersi tra nebulose, galassie ed ammassi stellari.

“Un’altra bambina sfortunata”

Il cellulare risuonò come un tuono a ciel sereno. Le sei e trenta. Era la solita sveglia, il martirio della mattina.  Sergio si sollevò violentemente dal caldo letto per fare tacere al primo suono quel maledetto apparecchio, quella musichetta così stupida come solo i costruttori di sveglie e telefoni sanno inventare…
[Il breve racconto di Aldo Gagliano che partecipa al “1° Premio Letterario Ugo Ercolani”- leggi tutto -]

Il Sole

Una spettacolare immagine del Sole realizzata dal Solar Dynamics Observatory  (SDO) della Nasa. La foto è in falsi colori per meglio evidenziare i raggi ultravioletti e le tracce di plasma caldo con  temperature di quasi 1.000.000 di Kelvin. Questa immagine riprende l’attività solare nel dettaglio senza precedenti. L’SDO invierà 1,5 terabyte di dati storici ogni giorno, equivalenti a un download giornaliero di circa mezzo milione di brani MP3!

Per visualizzate la foto in alta risoluzione collegarsi a questo link, ma attenzione, si tratta di quasi 2 Mbyte di “peso” con una risoluzione di 4096×4096 pixell.